Benvenuti nel fantastico mondo di Winterskin Makeup, che vi tenta e vi presenta novità e banalità di bellezza (principalmente) coreana. Ma la sottoscritta ha anche una spiccata vena polemica (leggesi rompipalle), e ogni tanto ha proprio bisogno di sfogarsi.
Insomma, voglio rispondere a parecchie domande che mi vengono fatte [ e anche aprire gli occhi a qualcuno] su quelli che sono i pro e i contro di acquistare determinati prodotti da determinati negozi, combattere la mal-informazione. completare le informazioni parziali e andare contro il bloggeraggio farlocco ( ma quello è un problema che non riguarda solo il settore coreano).
Ormai questo blog ha aperto la strada a tanti altri che vogliono parlare di bellezza coreana in Italia, ma non tutti ci riescono al meglio. Ho deciso di aggiungere ulteriori informazioni agli articoli precedentemente scritti, aggiungere ulteriori esperienze (in tre anni è cambiato tanto) e utilizzare questo spazio per informare.

Perchè acquistare coreano (originale)?

Succede che, da un po' di tempo, l'Hallyu Wave è arrivata anche in Italia. In primis la bellezza made in Korea era un mercato di nicchia, che corrispondeva soprattutto a chi si interessava anche di drama e kpop. Poco a poco, a partire dalle youtubers straniere, sempre più persone "hanno sentito dire", "hanno visto quel cosetto carino"...da lì siamo arrivati a "ommioddio o preso la krema koreana!!!", ma la cosa non mi stupisce, visto che in regia mi dicono che il Cioè vende 60.000 copie al mese (n.b. sì, sto denigrando il Cioè ). I grandi brand di profumeria occidentale, che molte di noi blogger osannano, già hanno da tempo prodotti che vendono SOLO in Asia, colorazioni che vendono SOLO in Asia, Limited Edition SOLO per l'Asia...quindi era solo questione di tempo che qualcuno investisse in questo settore per portare dei brands coreani qui in Europa. Gli Stati Uniti sono già stati conquistati una vita e mezza fa', ed in tutti sensi, perchè voglio dire...persino American Apparel vende cose coreane. Dior collabora con Amore Pacific, ed i suoi cushions sono quelli del brand. YSL con Moonshot, e così via. China Town di ogni Town (tranne la Chinatown di Vittorio Emanuele a Roma) ha negozi anche monomarca coreani. E noi cosa abbiamo?...abbiamo Sephora. Sephora e le sue maschere da 5 euro che "merci, mais non merci." cit Mango Beauty Tips.
Ovviamente sto un po' esagerando, perchè alla fine noi abbiamo Baqueen Beauty Shop, Yuko Skin e BBCreamItalia (i cui prezzi sono decisamente più accettabili, tranne per BBCream Italia), ma il mio discorso polemico verte più sull'assenza di negozi offline, che ci permettono di "toccare" con mano il prodotto prima di testarlo, e sulla presenza di negozi pronti a fare "bene mio" che vendono cose a prezzi rincarati manco fossero imbottiti di platino e piume di Dodo. Per non parlare di certe bloggers, pronte a sparare cavolate su cose coreane che poi hanno comprato su Aliexpress (noto ingrosso cinese e divulgatore di falsi).
E' assurdo cercare dupes e falsi di cose coreane sui siti cinesi, perchè...beh, le cose coreane già costano poco, ma sono prodotte in totale sicurezza per garantire la vostra salute. Nel caso dei prodotti importati dalla cina da Aliexpress, spesso non si sa cosa succede durante il processo di produzione, e che materiali vengano usati.
E' assurdo anche vendere i prodotti coreani così rincarati, perchè manca proprio il principio base di molti brands coreani: garantire a tutti di poter accedere a prodotti di bellezza basici. Il prezzo è basso per una questione di concorrenza fra brands, che in Italia- curiosamente - funziona al contrario, e il brand più costoso diventa automaticamente quello qualitativamente superiore. In Corea non funziona così, poichè lo Stato investe direttamente nel mercato del beauty, a partire dalla ricerca, passando per la produzione, fino all'esportazione del bene; Glow Recipe, Laneige, Leaders...sono tutti sovvenzionati e/o riconosciuti dal governo coreano. Non potete applicare le vostre credenze italianotte ad un altro tipo di mercato. Coreano è poco costoso, ma poco costoso non è schifoso.
Poi, una cosa che trovo fastidiosa, è acquistare una cosa solo per la carineria o perchè va di moda, senza poi nemmeno sapere cos'è. E' come se io, ora che so di essere allergica al miele, acquistassi miele puro da spalmarmi in faccia e l'orso Yogi come animale domestico. Quindi ok, avete visto il bunny gloss a forma di coniglio, fighissimo, vi piace il packaging ma volete l'effetto di un rossetto MAC stile Candy YumYum? Non comprate il coniglietto. E soprattutto non andate poi a recensirlo male perchè non è quello che volevate voi, povero coniglietto. Siate oggettivi/e! Si creano falsi miti se non informate la gente. Glielo volete dire che in Corea va il trucco naturale e non il trucco stile instagram?
Per altre informazioni sul tema "perchè scegliere coreano" ecc, già trattato in precedenza, leggete il mio articolo qui.

Meglio acquistare online o offline?

Quelle che seguiranno sono un misto di opinioni personali, miste a buonsenso e basic logic, con un pizzico di ironia pungente...Dai, lo sapete che sono una brutta persona aggressiva quando scrivo, io non metto faccine, quindi è ovvio che sia kattiva!!!11! Gomblotttooooo!!! A parte gli scherzi....
Se un determinato prodotto altrove è venduto solitamente ad un certo prezzo, è normale spendere il doppio per averlo, o è più logico acquistarlo al prezzo (quasi) normale dal Paese d'Origine? Chiedetevi: quanto mi ossessiona questo oggetto? Davvero voglio spendere di più per averlo ORA? L'impazienza è l'unica ragione per cui uno acquista un prodotto d'importazione in loco, e per quanto io sia più che tollerante con chi compra da negozi con prezzi rincarati (ognuno fa che minchia gli graba), questo blog è letto da una grossa fetta di pubblico al di sotto dei 25 anni, e da persone che non hanno un lavoro o vogliono risparmiare, quindi io indico la via meno dispendiosa. Inoltre, può anche darsi che chi acquista da Sephora non sappia dove trovare i prodotti coreani, e che ci sono, effettivamente, altri negozi a venderli. Per questo date un'occhiata alla lista di negozi italiani ed europei che vendono cosmetici coreani.
Mi auguro anche che chi legge questo blog non faccia parte della categoria di quei consumatori che "la routine dei coreani è di 10 Step e io LI DEVO fare tutti, devo comprare questo questo e questooooH". MannoooH. Ascoltate la vostra pelle: se è troppo è troppo. Se non avete i brufoli, e va di moda la crema per i brufoli...NON comprate la crema per i brufoli. Se avete 18 anni, cosa diamine comprate l'acido glicolico? Se avete 40 anni cosa comprate la crema antirughe a forma di panda? Ma di questo ne parleremo nei nuovi post (sì, vi tormenterò ancora) sui dieci step della routine coreana che arriveranno sul blog, più dettagliati e completi che mai.

Faremo l'esempio delle Maschere TonyMoly, la cui singola maschera è venduta da Sephora a 5,90 EURO. Per comparare i costi, ho scelto un negozio che non è assolutamente affiliato con me, Roseroseshop, in modo che nessuno possa avere da dire sulla mia onestà, anche se credo di aver dimostrato che non faccio sconti a nessuno.... Non è che io ce l'abbia con Seforàh-- ci compro spesso da Sephora, quando è giusto farlo. I prezzi sono aggiornati al giorno 12.12.2016 e il cambio di valuta è stato fatto con i dati del tasso di cambio aggiornati il giorno 12.12.2016, quindi nel tempo potrebbero cambiare.

-Roseroseshop-
Prezzo intero x 10 maschere: 10.000 kwon | prezzo scontato 6.400 kwon
Prezzo per 1 maschera: 1000 kwon | prezzo scontato 700 kwon

Questi sono i nostri dati; prenderemo in considerazione il prezzo di 10 maschere, perchè dubito che qualcuno ne prenda SOLO una. Consideriamo:

Spese di spedizione a pagamento:
Per 0,32 kg sono 9.300 kwon.
19.300 kwon x 10 maschere, significa pagare in lordo 1,930 won a maschera (no scontate)
SE beccate la dogana, dovete fare una piccola operazione, ovvero calcolare il 22%  del prezzo totale (ovvero comprese spese di spedizione) + 12 [16.000 kwon] euro dei loro fantomatici servizi.

il 22% di 19.300 + 16.000kwon è 20.246 kwon
Il totale di: 10 maschere NON scontate + spese di spedizione + dogana + spese postali varie è 20.246 kwon, che equivale a 15,18 euro. QUINDICI EURO.
Il che rende una maschera di Tonymoly importata dalla Corea in Italia (beccandosi la dogana e tutte le inciulate al limite della sfiga), una maschera del valore di 1,50 euro. Not bad, ci sta, no?

Volendo considerare esportazioni (anche se dubito che Sephora abbia problemi di soldi e non acquisti da grossista), è possibile quadruplicare il prezzo di una maschera?
Allora com'è che da Sephora le pago 5,50 euro sul sito (o 5,90 in negozio?) ??? Tandandaaaan.

Cambiamo negozio coreano. Stavolta avremo Jolse come termine di paragone, molto diverso da Roserose, perchè in questo caso il negozio ha spese di spedizione gratuite, ma prezzi di prodotti più alti.

-Jolse-
Set di 11 maschere 13$
13 $ + 2,80$ di spedizioni (fisse, con tracciatura) = 15,80$
Prezzo di una maschera = 1,40$
14,00 $ = 13 Euro
Se vi becca la dogana:
22% di 13 euro + 12 euro = 25 euro
Pagate 25 euro (circa) per 11 maschere + dogana + spese postali
Costo di ogni maschera 2,20 euro

Conclusioni? Vedete sopra :O

Dunque, per tirare le somme, economicamente parlando conviene prendere le cose online dalla Corea, e SECONDO ME (viva la libertà di pensiero) l'unica ragione per acquistarle in Italia è: un regalo improvviso, impazienza livello 1000. Salvaguardate i vostri soldi!
Se poi mi dite "no, io faccio così perchè (inserisci motivo)"...a me non interessa. Ripeto, è giusto fare quello che volete, ma io, come blogger, voglio tutelare i miei lettori informandoli.
Se qualsiasi persona si è sentita presa in causa o toccata nel personale...a me non interessa (di nuovo). Questo è un post un po' ironico, un po' aggressivo, un po' utile, un po' tutto....ma non c'è niente di personale, non odio nessuno e sempre peace and love.
P.s. Presto avrete un nuovo post sulla dogana &spedizioni, così come i post sulla skincare routine già anticipati! ;) Alla prossima.


image copyright: @Roxy Hutton